martedì 26 luglio 2016

Disponibile! Le segnalazioni dei cittadini per il recupero di beni abbandonati

Da circa due mesi, è online il sito di Disponibile! il progetto di Cittadinanzattiva contro lo spreco dei beni abbandonati e l’intervento dei cittadini per dargli nuova vita.
Disponibile.org è un sito interattivo, che permette ai cittadini di segnalare spazi e beni inutilizzati, per favorire non solo la conoscenza del fenomeno, ma anche l’azione civica che va dalla segnalazione del problema al progetto per il recupero e il riuso anche temporaneo di questi beni a vantaggio della comunità.

Per conoscere tutte le segnalazioni dei cittadini visita la pagina www.disponibile.org/news mentre se interessato alla segnalazione di un bene clicca qui.

I rischi del gioco d'azzardo

“L’incontro quotidiano con persone che soffrono di dipendenza patologica da gioco d’azzardo, i percorsi di riabilitazione che abbiamo accompagnato e la soddisfazione di aver assistito alla rinascita di molti sono la prima motivazione del nostro lavoro; a partire da queste esperienze abbiamo deciso di costruire la proposta progettuale di Rischi da giocare, perché esperienze così dolorose non si ripetano più o perché si sappia intervenire prima per non dovere farlo dopo”. Così Don Armando Zappolini nella Presentazione dello Year Book 2016 del CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza) dedicato al gioco d’azzardo che è in distribuzione a partire dalla giornata di oggi.
La pubblicazione nasce dal progetto “Rischi da giocare”, finanziato al CNCA nel 2015 dal Ministero del lavoro e politiche sociali con i fondi della legge 383/2000, la cui finalità è il contrasto del gioco d’azzardo con l’obiettivo di diminuire il numero di persone esposte al rischio di sviluppare comportamenti problematici e patologici attraverso un mix di strategie (comunicative e di sensibilizzazione, d’intervento psicosociale e di sviluppo di comunità) articolate su base territoriale nelle Federazioni regionali del CNCA.
Il lavoro rappresenta una prima presa di posizione del CNCA per aprire il confronto e la riflessione su un fenomeno complesso al quale non è semplice avvicinarsi per le diverse articolazioni degli approcci che vanno dalla totale cancellazione di tutti gli strumenti, le opportunità e le possibilità di gioco d’azzardo (No slot e divieto di qualsiasi gioco) alla possibilità di educazione al “gioco responsabile” ed alla regolazione dei tempi, dei luoghi e delle modalità di accesso ai giochi, nonché della presa in carico di chi perde questa capacità. A ciò si aggiunge la drammaticità dei problemi connessi all’azzardo che la Federazione si trova ad affrontare sui territori e che produce differenti gradi di dipendenza e/o difficoltà di gestione delle crisi familiari, rischi connessi di indebitamento, usura, fino al coinvolgimento della criminalità.
Lo Year Book 2016 (il 4° dopo la nuova serie inaugurata nel 2012 con il trentennale dell’Associazione, quello sulle Reti di famiglie accoglienti del 2014 e quello sull’Agricoltura sociale del 2015) contiene una serie di materiali elaborati da esperti con la partecipazione del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) frutto di un’indagine nazionale sul gioco d’azzardo.
Il volume presenta dei contributi ad ampio raggio che articolano un ragionamento complessivo sul fenomeno in questione fornendo dati, informazioni, e strumenti in grado di supportare interventi di prevenzione e implementazione di progetti in questo settore.
La pubblicazione, proprio per restituire la complessità del fenomeno, declina vari aspetti connessi al gioco d’azzardo e lo fa con un’attenzione speciale alle trasformazioni culturali che hanno interessato il gioco d’azzardo negli ultimi anni, offrendo un utile spaccato dei vari giochi disponibili sul mercato e mettendo in evidenza le differenze, le cifre e i rischi specifici. Una parte consistente è dedicata alla statistica, con dati nazionali che presentano un quadro generale del fenomeno, della sua diffusione, in particolare tra i giovani, delle differenze a livello regionale, della relazione tra dati epidemiologici e presenza di interventi da parte di associati al CNCA. Uguale attenzione è rivolta alla letteratura scientifica sul gioco d’azzardo, con l’analisi di studi e ricerche su caratteristiche dei giocatori, fattori di rischio associati allo sviluppo di comportamenti problematici e conseguenze che ne derivano. La legislazione europea, nazionale e regionale italiana e la maniera in cui il fenomeno è normato in diversi Stati della Unione europea è un altro importante contributo presente nello Year Book.
Oltre ai dati di scenario e di contesto generale la pubblicazione getta uno sguardo approfondito sui contesti locali, mediante un’indagine sulle organizzazioni associate al CNCA impegnate nella gestione di servizi e interventi di prevenzione e cura del gioco d’azzardo patologico, descrivendo caratteristiche organizzative e di funzionamento di 97 unità di offerta realizzate da 40 organizzazioni e presentando in modo esemplificativo 8 diverse esperienze di prevenzione realizzate dagli associati al CNCA e distribuite su tutto il territorio nazionale.

Mobilità green, firmato il decreto. Bando da 35 MLN

Saranno finanziati i progetti che favoriscono gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro con modalità di trasporto sostenibili.
 
Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha firmato il decreto per l’assegnazione, attraverso un bando pubblico rivolto agli Enti Locali, dei 35 milioni di euro previsti dal Collegato Ambientale per il Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile. L’obiettivo è favorire gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro con modalità di trasporto sostenibili, in linea con gli obiettivi nazionali ed europei di riduzione delle emissioni di gas serra e inquinanti derivanti dal settore dei trasporti.

Entriamo dunque nella fase attuativa – spiega il ministro Galletti – di una delle misure strategiche messe in campo per realizzare quella programmazione nel contrasto all’inquinamento delle città che è a lungo mancata. I soldi ci sono, ora mi aspetto che i Comuni colgano questa opportunità e mostrino una grande voglia di innovare la mobilità dei nostri centri urbani: ho convocato per mercoledì prossimo il tavolo sulla qualità dell’aria al ministero per fare il punto su questo decreto, come sullo stato di avanzamento delle altre azioni previste nel protocollo sottoscritto con Regioni e Comuni.

martedì 19 luglio 2016

19 Luglio 2016 - RASSEGNA STAMPA REFERENDUM COSTITUZIONALE


ForexInfo.it
Ultimi sondaggi politici: M5S in vetta, si allontanano PD e Centrodestra
Nei sondaggi politici di oggi, inoltre, sono state analizzate le intenzioni di voto degli italiani sul prossimo referendum costituzionale di novembre.
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante


Info Cilento
Agropoli, referendum d'autunno: “il Cilento scende in campo in difesa della Costituzione
AGROPOLI. Dopo la raccolta firme per chiedere l'abrogazione della legge elettorale nota come Italicum, il Comitato «Democrazia Costituzionale ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante


Città della Spezia
Si allarga l`area del 'No' dentro il Pd: 'Difendiamo la Costituzione'
La Spezia - Le donne e gli uomini di area Pd, fra iscritti, elettori e simpatizzanti, hanno sottoscritto un appello il 15 giugno scorso - “Al Referendum ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante

WEB
Referendum costituzionale, “La Calabria che vuoi” dalla parte del no
COSENZA – Un no secco e tondo al progetto di riforma della Costituzione dalla Segreteria politica del Coordinamento provinciale “La Calabria che ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante

Referendum costituzionale, martedì 26 luglio dibattito Cisl sulle ragioni del Si e del No
Referendum costituzionale, martedì 26 luglio dibattito Cisl sulle ragioni del Si e del No. 18 luglio 2016. Stampa questa notizia. Un confronto fra politici, ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante

Referendum costituzionale, un semplice motivo per votare No
Il prossimo ottobre, gli italiani saranno chiamati ancora una volta ad esprimersi sul referendum costituzionale fortemente voluto da Renzi.
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante

giovedì 14 luglio 2016

Proposta distaccamento uffici comunali nella zona di Acquatraversa.

Mi sembra opportuno fare in modo che i cittadini non debbano fare inutili chilometri per presentare pratiche o avere informazioni, soprattutto se si tratta di fasce deboli della popolazione.

La mia proposta di distaccare alcuni uffici comunali nella zona di Acquatraversa, nasce dal fatto che parliamo di una zona che da tempo ha visto un forte sviluppo demografico e di insediamenti abitativi. Da ultima anche l'istituzione della Parrocchia B. Margherita Colonna. 

Sono sicuro che la maggioranza non potrà che convenire su questa innovazione e che pertanto vi sia una risposta positiva.



Scuola: come candidarsi all'interessante Master sull'autismo

Agli operatori scolastici sono richieste sempre maggiori competenze, sia in ambito tecnologico e linguistiche, ma soprattutto sulla disabilità. Ed è proprio in merito alle competenze sulla disabilità che vorremmo informarvi dell'attivazione del terzo Corso/Master sull'Autismo di primo livello presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il suddetto Master avrà la durata di 12 mesi per complessivi 60 crediti, pari a 1500 ore. Vediamo come fare per candidarsi.

Posti disponibili e come fare per candidarsi

Le finalità del master sono la formulazione e la gestione di progetti educativi e didattici volti al potenziamento delle abilità cognitive, emotive e relazionali delle persone con disturbo autistico. I posti disponibili sono 80, esso è rivolto sia ai docenti sia ai dirigenti scolastici. Il calendario del Master si articola in 3 moduli, la cui frequenza è obbligatoria. Il personale ammesso alla frequenza è tenuto al pagamento della quota di iscrizione di € 200,00 (duecento/00) da versare dopo l’accettazione dell’iscrizione. I soggetti interessati alla partecipazione al Master potranno presentare la propria iscrizione  a partire dal 15 luglio 2016 ed entro il 16 settembre 2016 accedendo al link master.unicatt.it/ammissione e procedendo alla registrazione dei dati personali e alla compilazione del format predisposto. 

Come è organizzata la didattica

La didattica del corso/Master è organizzata in:
  • 123 ore di corsi dedicati in presenza;
  • 123 ore di corsi a distanza;
  • 140 ore presso enti esterni;
  • 495 ore studio individuale;
  • 495 ore studio individuale guidato;
  • 125 ore elaborato finale.
Inoltre, sono previste durante lo svolgimento del corso/master delle verifiche dell’apprendimento,con esami intermedi al termine di ogni modulo ed esame finale con discussione dell’elaborato finale. I candidati che avranno superato le relative prove di esame sarà rilasciato il titolo di Master universitario di primo livello in Didattica e Psicopedagogia per alunni con disturbo autistico.

mercoledì 13 luglio 2016

Una foto vale più di mille parole!


Questa fontana si trova a fianco alla chiesa di Sant'Andrea Apostolo, a Gallicano nel Lazio. Come potete vedere dall'immagine, è senza acqua (come molte altre fontane storiche di Gallicano) e completamente in decadimento. Intere generazioni si sono incontrate davanti a questa fontana, siamo in pieno centro storico, eppure ora cade a pezzi. C'era anche una terza colonnina, ma non si sa che fine abbia fatto. Una lastra che si è staccata è stata posta sotto il bacino, (è ben visibile) e sembra sia rotta.

Fate attenzione: non pensiate che la vergogna di questa amministrazione targata PD sia una vergogna che si ferma a livello comunale. Dovunque il PD non riesce ad esprimere una classe dirigente all'altezza dei tempi che viviamo. I giovani sono spesso marionette nelle mani di pupari della vecchia politica, mentre i vecchi, si sa, sono vecchi dentro. 
Che risultati, infatti, ha ottenuto il Partito Democratico di Gallicano nel Lazio? Quanto si è fatto rispettare? Cosa ha ottenuto per il territorio avendo una cospicua rappresentanza tra assessori e consiglieri regionali? La risposta è zero. Anzi, sotto zero. Non mi venite a raccontare che qualche elemosina per piccoli eventi sia un grande risultato.
Il nostro territorio in questi anni è stato ulteriormente marginalizzato, periferizzato, umiliato. Il commercio è stato praticamente massacrato; le infrastrutture? I lavori? I restauri? Da ridere quello che è successo. In provincia c’erano i soldi per la messa in sicurezza della cava San Sebastiano, ma non si sa dove sono finiti. Il nuovo comune è lì, con il suo scheletro in bella mostra; le scuole non ne parliamo; c’erano cantieri aperti ed ora non ci sono più, al massimo sono rimasti i bandoni o le ringhiere plastificate. Però c'è un megacimitero che ha da venire!!! Un forno crematorio, un impianto di smaltimento rifiuti. 
Se Gallicano avesse avuto una classe dirigente seria, attenta, lungimirante tutto questo sarebbe successo? Sarebbe successo tutto questo se chi avrebbe dovuto fare opposizione negli anni addietro, oggi si ritrova al fianco di chi governa, premiato da accordi politico-elettorali?

Di seguito il testo della mozione presentata oggi insieme al consigliere Betti.


martedì 12 luglio 2016

Città tossiche

[di A. Incorvaia su ilbecco.it] Le problematiche ambientali in Italia ormai sono all’ordine del giorno. I roghi di Pianura e Scampia, i cumuli di spazzatura nelle periferie del sud Italia, il “mercato” dello smaltimento sempre più in mano alle mafie e al loro universo gravitante.
Uno dei casi più emblematici arriva dallo smaltimento dell’amianto, un problema irrisolto per il nostro paese, sempre più ostaggio di immondezzai sparsi e discariche abusive.

Un business che non vuole fermarsi, un’ occasione redditizia per chi vuole produrre ricchezza causando danni all’uomo e all’ambiente. La soluzione sembra essere lontana da una definitiva via d’uscita e il decreto Sblocca Italia emanato dal governo alla fine del 2014 non fa altro che intorpidire le acque.
In questo provvedimento governativo infatti si parla di nuovi termovalorizzatori, impianti che come nel caso del comprensorio di Milazzo, area individuata tra le 54 per questo tipo di impianti (leggi qui). Tralasciando l’elemento e la criticità dello smaltimento dei rifiuti, troppo spesso causa di problematicità per amministrazioni che sulla gestione del servizio della nettezza urbana rischiano anche il tracollo (il caso di Livorno è emblematico), in un Paese che ancora fatica a realizzare una rete funzionate di differenziata e compostaggio, i rischi dell’ “abbandono” (soprattutto riferito a scarti definititi pericolosi) sono reali.

A Tivoli comincia il processo all’Eco Italia ’87 srl

[di Comitato per il Risanamento Ambientale su aniene.net]A distanza di un anno dalla richiesta di rinvio a giudizio emessa dal PM Stefania Stefanìa della Procura della Repubblica di Tivoli, è stata fissata per il 30 ottobre prossimo la prima udienza del processo contro i responsabili della società Eco Italia ’87 srl per la gestione non corretta della discarica dell’Inviolata di Guidonia.

I rinviati a giudizio sono: Francesco Rando e Angelo Deodati, entrambi amministratori e legali rappresentanti dell’azienda appartenente alla galassia societaria di Manlio Cerroni. Assieme a loro, sul banco degli imputati, è stato chiamato Paolo Magrini, quale direttore tecnico responsabile della Eco Italia.

L’inferno della Valle del Sacco, dove anche il latte materno è inquinato

[Di Laura Preite su lastampa.it]Nella Valle del Sacco (Frosinone) l’inquinamento è sistematico. Il beta-esaclorocicloesano, scarto di lavorazione dell’erbicida Lindano, oggi fuorilegge, è entrato nella catena alimentare e nel sangue degli abitanti della zona che comprende nove comuni, in tutto 90 mila persone. La zona è inquinata da anni. È rientrata a far parte dei Sin, i Siti d’interesse nazionale mappati dal Progetto Sentieri, studio epidemiologico sui territori esposti al rischio d’inquinamento, dopo che l’ex ministro dell’Ambiente Corrado Clini l’aveva esclusa. Negli anni Novanta il tribunale di Velletri con un processo ha accertato che l’inquinamento è partito da fusti e scarti di lavorazione industriale interrati all’interno dello stabilimento BPD in due siti: Arpa 1 e Arpa 2. Il primo è stato bonificato – con l’isolamento del materiale interrato – l’altro no. La popolazione che vive entro un chilometro dal fiume Sacco è sottoposta a controlli medici ogni due anni. È l’unico provvedimento finora preso. Nel 2010 è partito un altro processo questa volta per l’inquinamento del latte che risale al 2005. Sono state rinviate a giudizio quattro imputati – uno è deceduto – che lavoravano alla Centrale del Latte di Roma, alla Caffaro e al consorzio CSC che gestiva il collettore delle acque bianche dell’area industriale. L’accusa è di disastro ambientale: il latte inquinato fu rivenduto a caseifici e l’Asl non fu avvisata subito dell’emergenza. Però è tutto fermo da novembre scorso: il giudice Mario Coderoni ha deciso di accogliere la richiesta della difesa di rinvio alla Corte Costituzionale per legittimità costituzionale dell’art. 157 comma 6 codice penale (ex Legge Cirielli) nella parte che riguarda la prescrizione. Vittorina Teofilatto, avvocata dell’associazione Raggio Verde che segue alcuni abitanti di Colleferro danneggiati critica il rinvio alla Corte: «Ci siamo opposti alla questione della legittimità perché riteniamo che non ci siano profili di costituzionalità. Inoltre non c’era bisogno di bloccare il processo perché dalla sua prosecuzione non sarebbe derivato un pregiudizio per gli imputati, una stessa questione era giù stata sollevata di fronte alla Corte». In attesa della sentenza della Corte i tempi della prescrizione si sono bloccati ma si teme un trasferimento del giudice che farebbe ripartire il processo da capo.

Pubblicato da Laura Preite su  lastampa.it il 10 maggio 2016

Il glifosato sta uccidendo l’Argentina

[Di Tommaso Perrone  su Lifegate.com] Il glifosato, uno degli erbicidi più usati al mondo in campo agricolo, ha effetti devastanti e drammatici sulla salute delle persone che sono costrette a vivere in suo contatto. Questa volta a sostenerlo non è un’organizzazione ambientalista o, meglio ancora, qualche agenzia che fa capo all’Organizzazione mondiale della sanità. Lo dimostra, con immagini e testimonianze, un reportage realizzato da Pablo Ernesto Piovano, un fotografo argentino che nel 2014 ha deciso di documentare la condizione della popolazione del suo paese che lavora o vive nei pressi dei campi coltivati a soia ogm dove si usano dosi massicce di diserbanti.

LA SECESSIONE IN RELAZIONE AL SISTEMA

FONTE: DEDEFENSA.COM
Russia Today ha dunque scelto di festeggiare il giorno dell'indipendenza USA ( il 4 Luglio) in un modo molto adatto all'ironia tragica dei tempi ed alle contraddizioni connesse alle politiche estreme che si manifestano fuori dal controllo umano, con una breve intervista a 2 dirigenti dei movimenti secessionisti dei due Stati dell'Unione che sono alla guida di questa dinamica e che sono i due principali stati dell'Unione tout-court: il Texas e la California. Bisogna dire che sotto questo punto di vista esiste una situazione molto controversa che riflette in effetti le spinte del sistema e le resistenze anti-sistema e traduce nei fatti queste “contraddizioni interne e queste politiche estremiste”.

IL MONDO AFFRONTA LO SHOCK DEFLAZIONARIO E LA CINA ACCELERA LA SVALUTAZIONE

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD
La Banca Centrale della Cina ha infranto le sue promesse e sta lasciando scivolare lo yuan con grandi effetti global
La Cina ha abbandonato la promessa solenne di mantenere stabile il suo tasso di cambio e sta sostenendo una sistematica svalutazione dello yuan mandando un impulso deflazionario all'economia globale già verificatosi nella trappola degli anni '30.

HO LETTO IL REPORT CHILCOT MENTRE VIAGGIAVO ATTRAVERSO LA SIRIA QUESTA SETTIMANA ED HO VISTO CON I MIEI OCCHI COSA HANNO CAUSATO LE AZIONI DI BLAIR

DI ROBERT  FISK
independent.co.uk
Qual è la differenza tra le inesistenti armi di distruzione di massa irachene, 45 minuti di avvertimenti falsi, 70.000 inesistenti Siriani “moderati” e un finto guadagno di milioni per il sistema sanitario se la Gran Bretagna lasciasse l’UE?
Penso che un processo di Norimberga sarebbe un posto migliore per fare le pulci ai crimini che abbiamo commesso grazie alla coppia Blair-Bush, andando in guerra in Medio Oriente. Abbiamo portato alla morte circa mezzo milione di persone, la maggior parte dei quali Musulmani, tanto innocenti quanto Blair era colpevole. Una corte sullo stile di quella di Norimberga dunque dovrebbe concentrarsi di più sulle masse di Arabi vittime delle nostre spedizioni criminali, piuttosto che sullo scellerato “profondo rammarico” – parole sue, ovviamente – di Lord Blair di Kut al-Amara.

DISASTRO PUGLIA, NEL 2016 I TRENI VIAGGIANO ANCORA SU UN UNICO BINARIO - il mio editoriale per FreedomPress.cc


da Freedompress.cc
Almeno undici morti e decine di feriti, nello scontro di poche ore fa tra due treni in Puglia, in un tratto di binario unico. Una scena spaventosa a giudicare dalle testimonianze che in queste ore si stanno leggendo. 
Ma vorrei fare una considerazione a margine di quanto accaduto. A margine di questa tragedia.

Proprio in questi giorni l'Italia sta mettendo sul mercato (leggasi SVENDENDO) un asset strategico come quello dell'ENAV (aviazione). Tanti anni fa, allo stesso modo, svendemmo le Ferrovie dello Stato. Le chiamano privatizzazioni, ma di fatto in Italia sono servite solo ad alimentare il pozzo senza fondo del debito pubblico e mai a risanarlo effettivamente. Le ferrovie sono la spina dorsale di un paese industrializzato ed in Italia ancora abbiamo linee a binario unico. Linee tra l'altro che sono quelle fatte costruire da Mussolini. Fatta salva la linea alta velocità, il resto è un pianto assoluto. Perché? Perché non ci sono investimenti. E come vogliamo riprenderci da questa crisi economico-finanziaria se non investiamo negli asset più importanti che abbiamo?

Non basta promettere di far luce sull'accaduto. Gli incidenti ferroviari sono sempre, al 99%, causati da un errore umano. Promettere di far luce sull'accaduto non basta a rispondere all'esigenza che ha questo Paese di risollevarsi. A meno che non vi sia una strategia ben precisa per affossarlo sempre più in favore di grandi gruppi finanziari e speculativi, a danno dei cittadini, dei servizi pubblici, dello stato sociale. 

12 luglio - Rassegna Stampa Referendum Costituzionale


gonews
Referendum costituzionale, dalla Toscana oltre 50mila firme. Un decimo dall'Empolese Valdelsa
E' stata superata quota 50mila firme in Toscana per la richiesta del referendum confermativo della riforma costituzionale in programma in autunno.
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante

Giornalettismo
Referendum costituzionale, spacchettamento già naufragato. Poche firme in Parlamento
Al di là dell'attivismo dei Radicali, non decolla la raccolta delle firme per proporre lo spacchettamento dei quesiti al referendum costituzionale. Appena ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante
WEB
Referendum Costituzionale, la ministra Boschi domenica mattina a Termoli
La notizia circola da questa mattina sui social networrk e la ha confermata la segretaria del Pd Micaela Fanelli: la ministra Boschi sarà domenica ...
Google Plus Facebook Twitter Segnala come irrilevante