martedì 26 aprile 2016

Legittima difesa: come funziona la raccolta firme? Dove devo firmare? Cosa propone?

Sulla mia pagina Facebook ho invitato a firmare la proposta di Legge dell’Italia dei Valori che prevede un aumento delle pene da due a sei anni per chi vìola il domicilio privato, l’abolizione del risarcimento danni nei confronti di chi commette il reato di violazione di domicilio qualora venga danneggiato dall’intervento del proprietario e il potenziamento delle possibilità per il cittadino di difendersi all’interno della sua abitazione eliminando quindi il reato di eccesso di legittima difesa.

Sia chiaro, nessuno vuole il far west, ma di fronte ad una situazione delinquenziale che sembra sempre più fuori controllo, anche perché lo Stato non sembra più capace di porre risoltuamente mano al fenomeno, ritengo sia giusto garantire più sicurezza ed evitare che si possa venire poi accusati di eccesso di difesa. 

Se questa proposta di Legge avrà le firme sufficienti, sarà più facile difendersi in casa propria, senza dover rischiare di pagare i danni ai delinquenti ed ai loro eredi. 

martedì 19 aprile 2016

Regione Lazio, aiuti avviamento aziendale giovani agricoltori. IL BANDO



Vi informo che ieri è stato approvato il bando per la misura 6.1 Aiuti all’avviamento aziendale per i giovani agricoltori.
Si tratta dei primi bandi a favore dell’agricoltura previsti dal Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 della Regione Lazio.

Vi allego inoltre gli altri atti adottati dalla Giunta e dalla Direzione Regionale Agricoltura necessari per orientarsi nella compilazione delle domande per partecipare ai bandi.

domenica 17 aprile 2016

Autismo, condivido l'appello di Antonietta Lettera perché quello che dice è vero!


Condivido l'appello di Antonietta Lettera perché quello che dice è vero. 

Gli autistici non vanno in gita, ma poi ci mettiamo le sciarpette Telethon

Il 15 aprile è apparsa la notizia che in una scuola di Legnano non ci sarebbe stata nessuna gita scolastica in
Austria per una bambina di 14 anni affetta da autismo, mentre i suoi compagni oggi dovrebbero partire alla volta di Salisburgo.

Sembrerebbe che nei messaggi whatsapp delle compagne fosse iniziata a serpeggiare qualche preoccupazione: chi dividerà con lei la camera? Chi si prenderà la responsabilità della compagna? Un crescendo che arriva anche ai genitori della piccola. Il 15 marzo viene convocato il consiglio di classe e tutto esplode: nel verbale non ufficiale preparato dai rappresentati dei genitori si dice che: "visti alcuni episodi che sono successi di recente i docenti si riservano di convocare un consiglio di classe straordinario dove decidere che la  classe non farà il viaggio di istruzione".

Chi ha vinto davvero il referendum sulle trivelle?

Parlare il giorno dopo di un referendum fallito non è facile. Semmai è facile cadere in tentazioni di tifo da stadio. Ho letto tanti commenti, da "italiani popolo di coglioni" fino a "meritiamo questa merda". Io parto dall'assunto che in Italia siamo tutti come Mario Rossi, siamo brave persone fino a quando qualcuno non parla alle nostre spalle di quanto siamo stronzi. In fondo siamo tutti dei grandi Mario Rossi. 

Oppure c'è chi si addentra in analisi socio-politiche: ha vinto Renzi, ha perso l'Italia che vorrebbe tutti arretrati. 

Io pongo soltanto delle domande che, so già , resteranno senza risposta. O meglio, nella mente di te che leggi le risposte te le darai, ma non avrai il coraggio di scriverle...

venerdì 15 aprile 2016

Se sei un giovane agricoltore non puoi perdere questa occasione!!!!

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali seleziona 40 imprese agricole condotte da giovani agricoltori a cui dà la possibilità di partecipare alle seguenti manifestazioni fieristiche:

  1. N° 20 imprese agricole per il "SIAL", che si svolgerà a Parigi dal 16 al 20 ottobre 2016;
  2. N° 10 imprese agricole per il "Salone del Gusto" che si svolgerà a Torino dal 22 al 26 settembre 2016;
  3. N° 10 imprese agricole per il "SANA" che si svolgerà a Bologna dal 9 al 12 settembre 2016.
Per tutte le aziende selezionate sono organizzate, inoltre, azioni formative finalizzate a sviluppare le capacità commerciali e l'internazionalizzazione delle stesse e a tutte le aziende selezionate è data la possibilità di usufruire di servizi di sostituzione alle condizioni indicate nell'avviso pubblico.

Le domande di partecipazione devono pervenire, esclusivamente tramite i modelli allegato all'avviso pubblico emanato con DM prot. 8276 dell'8.4.2016, entro le ore 12.00 del 10 maggio 2016, all'indirizzo di posta elettronica certificata: cosvir2@pec.politicheagricole.gov.it, oppure tramite posta raccomandata A.R. all'indirizzo: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Direzione generale dello sviluppo rurale - Ufficio DISR 2, via XX settembre 20, 00187 Roma (farà fede il timbro di ricezione dell'ufficio postale del Ministero).

Eventuali richieste di chiarimenti sull'avviso pubblico possono essere inviate all'indirizzo e-mail: disr2@politicheagricole.it e sono pubblicate sul sito web del Ministero all'indirizzo: www.politicheagricole.it - sezione Concorsi, dove è possibile consultare il testo integrale dell'avviso pubblico in parola.

Ai sensi del Reg. (UE) n. 702/2014 l'avviso pubblico entra in vigore a decorrere dalla data di ricezione del numero di identificazione dell'aiuto riportato sulla ricevuta inviata dalla Commissione europea.

Per saperne di più:
 
 
Fonte: Mipaaf comunicato 11.4.2016
La Direzione

Scuola, Regione Lazio, in palio oltre 3000 euro per il miglior progetto imprenditoriale

Vi segnalo un'iniziativa della Regione Lazio dal titolo "Candida la tua scuola a Startupper School Lab" ed è rivolta agli studenti del III, IV e V anno degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore del Lazio. 

Nel corso di una full immersion di quattro giorni (3, 4, 10 e 11 maggio 2016) negli Spazi Attivi di Bracciano, Latina, Roma Casilina e Viterbo, i ragazzi saranno assistiti nella progettazione del business model di una idea imprenditoriale innovativa e nella realizzazione di un prototipo, utilizzando stampanti 3D.
 
A conclusione della quarta giornata saranno selezionate le squadre che concorreranno alla Competition regionale, che si terrà il 18 maggio 2016 a Roma. In palio 1.000 euro per l’Istituto cui appartiene il team vincitore e 2.000 euro per i componenti di quest’ultimo. All'Istituto vincitore del Premio #SocialLab spetterà invece 500 euro, 250 per la squadra

Il termine per la presentazione delle domande è fino alle ore 13.00 del 22 aprile 2016 e l'iscrizione deve essere inviata all’indirizzo di posta elettronica: m.montana@biclazio.it, mentre l
’elenco degli istituti che saranno ammessi alla Startupper School Lab sarà pubblicato sul sito www.biclazio.it il 28 aprile 2016.  
Cliccando qui troverete tutta la documentazione necessaria per partecipare. 
 
 

Tor Sapienza, intervista al banchista del Bar Jolly: "Per un attimo ho temuto il peggio"


Federico Galli ha 28 anni e da 4 è uno dei banchisti del bar Jolly di Via Prenestina, dove lo scorso 11 aprile è avvenuta l'aggressione da parte di un ospite del Centro di Accoglienza di Via Staderini.

"Era durante il mio turno di lavoro, stavo preparando gli aperitivi come faccio di solito intorno alle 18.30 - racconta Federico con la voce che gli trema, forse ancora terrorizzato da quanto accaduto - il tizio entra e si dirige verso la cassa chiedendo delle sigarette e dicendo o fumo o ammazzo qualcuno. Lo abbiamo sentito tutti bene e ci siamo guardati anche con la cassiera. Non è una frase che si sente tutti giorni. Per pagare tira fuori dalla tasca una scatola con dentro tutti pezzi da un centesimo. La cassiera lo ha invitato a contare i soldi e a farsi da parte per non creare fila in cassa. A questo punto il tizio ha iniziato ad alzare la voce, ma fin qui ancora sembrava tutto nella norma. Capitano personaggi un po' sopra le righe, ma mai avrei pensato ciò che stava per accadere. Mentre il tizio urla, si avvicina un poliziotto in borghese che si identifica e lo invita, insieme ad altri, ad uscire per calmarsi. A questo punto è successo l'impensabile. Il tizio è andato probabilmente in confusione inziando ad aggredire persone e cose che gli capitavano a tiro. Sembrava avere una forza sovrumana, tutto ciò che toccava distruggeva con la sola forza delle mani. Una forza incredibile. Con un sempice colpo della mano a rotto il bancone che tra l'altro ha un vetro molto spesso. Io mi trovavo dietro il bancone ed ero pietrificato dal panico. In un momento di lucidità ho pensato bene di nascondere le bottiglie per gli aperitivi, se gli fossero andate in mano chissà cos'altro sarebbe potuto succedere di peggio. Fra cazzotti e morsi dati agli altri colleghi, il tizio ormai pieno di sangue ha preso un manico di scopa di alluminio ed ha iniziato a colpire ogni cosa. Una rissa in piena regola. Alla fine in 4 abbiamo cercato di immobilizzarlo, ma ci spostava ed è riuscito a raccogliere dei vetri per ferirci. Io ho rimediato un graffio su una mano. La cosa più brutta è che ci sputava addosso il suo sangue"

Sappiamo ormai tutti come la storia si è conclusa. Il giudice ha condannato il tizio solo all'obbligo di firma, ma c'è anche un altro aspetto che sconvolge e che nessuno ha detto: fuggito dalla rissa, il tizio si è rifugiato nel centro di accoglienza, dove poi è stato trovato dalla Polizia.

La domanda che sorge è: da chi sono gestiti questi centri di accoglienza? Perché non ci sono controlli su chi entra ed esce? Tra chi dice "ognuno a casa sua" e chi sostiene "accogliamo tutti" io sono per una terza via. Possiamo accogliere solo se in questo Paese funziona la legalità. Se ci sono zone d'ombra, accampamenti spesso non censiti, centri d'accoglienza forse senza controlli, allora non siamo pronti ad accogliere proprio nessuno. I delinquenti ci sono sempre stati, ma deve altrettanto esserci la risposta dello Stato per il rispetto della legalità e della sicurezza. L'immigrazione è una questione che andrebbe affrontata con la massima serietà e non solo un business da fare sulla pelle dei migranti e dei cittadini.

Come risparmiare sulla benzina? 10 semplici consigli

Oggi vi voglio mostrare 10 semplici passaggi per risparmiare sulla benzina e liberare il vostro denaro per altre cose. Vale anche per il diesel (ovviamente).Sembra che i prezzi di benzina e gasolio si siano fermati dall'aumentare vertiginosamente. Ancora per un po'.  Rimane comunque un costo enorme prendere la macchina. Ecco 10 semplici consigli per il risparmio di carburante. Qualcuno di voi forse già li conoscerà, ma per altri non è così. E forse, qualcosa stupirà anche i più esperti.

1. Fare meno viaggi
 Sapete certamente che quando si guida una macchina, che magari è stata parcheggiata per qualche ora, il motore è freddo e utilizza molto più carburante per i primi cinque chilometri. Si dovrebbe cercare di combinare tutte le comissioni giornaliere in un unico grande percorso, ma spesso questo non è possibile se, ad esempio, si deve uscire durante il giorno per portare fuori la famiglia, ma cercate di non uscire separatamente per andare a fare la spesa o per andare a prendere i bambini a scuola.

2. Non guidare nelle ore di punta
 Il posto peggiore dove trascorrere il proprio tempo è in macchina bloccati in un ingorgo, su questo siamo tutti d'accordo, quello che molti non sano è che è anche un modo molto costoso di viaggiare. Ogni volta che nel traffico ci si ferma e si riparte, la vostra macchina ha bisogno di inserire la prima marcia e una grande quantità di combustibile per muoversi. In seconda non va molto meglio. La soluzione migliore è quella di non viaggiare durante l'ora di punta. È inoltre possibile risparmiare un po' di carburante cercando di "prevedere" cosa accade al traffico di fronte a voi e viaggiare costantemente a bassa velocità, piuttosto che accelerare e frenare.
 
3. Chiudere i finestrini (e tetto apribile, se ne hai uno)
 Non è tanto di un problema quando si guida in città (vedi sopra), ma quando sei fuori città o in autostrada e vuoi correre, la forma della vostra auto è molto importante. I "car designer" fanno un sacco di sforzi sull'aerodinamica per ridurre il 'drag' e rendere la vettura più elegante possibile. Tutto il rumore che sentite con il vento va di pari passo con i costi di gestione del carburante. Non si può fare molto per il design della vostra auto, ma si può evitare di fare peggio non lasciando finestrini e tettuccio aperti. Meglio usare le prese d'aria per la maggior parte dell'anno, e l'aria condizionata quando fa troppo caldo.

4. Togliere il portapacchi

Questo è come lasciare le finestre aperte, anche peggio. Anche se il portapacchi è vuoto, aumenta la resistenza e porta la vostra auto ad utilizzare più carburante, addirittura una grande scatola di sci è come avere un'altra macchina legata al vostro tetto. 
 
5. Non portare pesi inutili

Proprio come il tuo corpo, la tua macchina ha bisogno di più carburante per spostare più peso. Nessuno indossa uno zaino pesante a meno che non debba per forza, così non riempire il bagagliaio di roba inutile.  A meno che non siate giocatori accaniti di golf e quindi vi tocca portare il sacco con le mazze. 

6. Accelerare senza intoppi

Il modo migliore per viaggiare è a velocità costante (idealmente circa 50 miglia all'ora/80 km orari), e nella marcia più alta (stando sempre attenti ai limiti però). Quindi se sei un "autista" e non un "pilota" avrai un consumo di carburante più basso. Non ha senso accelerare per sorpassare una macchina se poi ti devi fermare al semaforo successivo. 

7. Non spingere troppo l'acceleratore

Questo sorprende sempre le persone e non riguarda solo il fatto di quale marcia si sta utilizzando. Si può essere in una marcia alta e viaggiare ad una velocità ragionevole, ma se si sta spingendo l'acceleratore verso il basso in una lunga strada, per evitare di scalare ad una marcia inferiore (dalla quarta alla terza, per esempio), allora si sta usando più combustibile. Questo non vale per le auto con cambio automatico.

8. Aria condizionata

Spesso si è tentati di lasciare l'aria condizionata per tutto l'anno. Anche quando in inverno si appannano i vetri. Basterà inserire l'aria dall'esterno e togliere il ricircolo, senza accendere quella condizionata. 

9. Limiti di velocità

A che serve viaggiare fortissimo, non rispettando i limiti di velocità, se poi serve solo ad arrivare 5 minuti prima? Per risparmiare serve una velocità costante, ma non troppo alta. E' un falso risparmio pensare di viaggiare a 120 all'ora per 70 minuti, invece che a 100 all'ora per 80 minuti. 

10. Controllare la pressione delle gomme regolarmente

Più bassa è la pressione dei pneumatici, più carburante si consuma per spostare la macchina. E' consigliabile perdere cinque minuti ogni quindici giorni per controllare le gomme. Se non siete sicuri di quanta pressione deve essere, normalmente è possibile trovare le figure vicino la serratura all'interno della portiera del conducente.

mercoledì 13 aprile 2016

Biogas e Megacimitero: facciamo chiarezza!!!

Ritengo opportuno fare un punto di chiarezza su tutta la vicenda che riguarda Gallicano nel Lazio e relativa all'impianto a biogas ed al megacimitero.

Ci sono degli strani cialtroni che ultimamente stanno cercando di smantellare la battaglia dei comitati contro la cementificazione di Passerano, parlando male del sottoscritto e di altri. Vi devo ringraziare e mi auguro che possiate sempre continuare a farlo. La vostra fama precede le vostre mormorazioni e mi ha permesso di entrare in contatto con moltissimi amici fino ad oggi sconosciuti e che hanno voluto contattarmi per sapere effettivamente come la pensassi.

Detto questo, mi preme parlare di cose più serie.

MEGACIMITERO
Tutto quello che è possibile sapere sul progetto di megacimitero a Passerano e sui retroscena è pubblicato ovunque. Ho pagato personalmente per aver detto la verità (unico e solo), nonostante ciò non mi sono fatto spaventare ed ho continuato a dire la verità. A differenza di tutti, e dico tutti, quelli che si dicevano contro e oggi sono spariti dalla circolazione. Per fortuna altri amici si sono nel frattempo accostati e sostengono questa battaglia. Due parole permettetemi di dirle a chi sostiene che chi non è di Gallicano non può mettere bocca. Se un imprenditore si candidasse al comune di Roma, venisse eletto presidente dell'Assemblea Capitolina e poi, grazie alla sua posizione, riuscisse a far approvare un progetto di smantellamento del Colosseo ed edificazione di un grattacielo (progetto neanche tanto fantascientifico, fu proposto dal Generale Clark quando liberò Roma nel 1944), a chi non dispiacerebbe? O dovrebbero arrabbiarsi solo quelli che abitano a Roma? O perché non quelli che abitano a Castel di Guido, oppure alla Romanina, oppure a Vienna e Copenaghen? Passerano è un'area identitaria del'Agro Romano Antico e come tale è logico che venga difesa da chiunque ha a cuore quest'ultimo polmone verde alle porte di Roma Est.

BIOGAS
Sul biogas c'è da dire molto. Molto è stato detto, a voce e per iscritto. Ad oggi l'unico progetto approvato dal Comune di Gallicano nel Lazio e dalla Regione Lazio è il progetto di "impianto di produzione dei energia elettrica da biogas". L'atto con cui la Regione ha dato il via libera sarà valido fino al 2018. Quindi fino al 2018, se non interverranno modifiche, il progetto è quello. 
Nel frattempo si sta parlando di modificare il progetto, è vero. Ma siccome non sono uno stupido e non mi piace parlare di cose che non conosco o sentenziare di cose che non sono scritte, aspetto di vedere le carte scritte. Ad oggi di carte scritte su modifiche al progetto o alla localizzazione dell'impianto non ce ne sono. Chi va dicendo in giro che l'impianto a biogas non si farà è in malafede e vi spiego il perché: perché per far abbassare la guardia ai comitati ed alle associazioni serve proprio questo. Serve "smorzare" la fiamma della protesta. Mentre invece c'è bisogno di restare vigili ed allerta. Se mi fossi venduto alla maggioranza, come altri cialtroni hanno avuto il coraggio di sostenere, non sarei qui costantemente a sollevare l'attenzione su un tema che ritengo importante, ma cercherei anche io di "smorzare" i toni e, letteralmente, farmi i cazzi miei. 

Detto ciò, spero e mi auguro di aver fatto chiarezza. Resto a disposizione per ogni domanda o informazione.

Referendum 17 Aprile: perché ho scelto di votare SI #iovotosi

Cara lettrice e caro lettore di questo blog,
fino ad oggi non ho preso una posizione chiara sul referendum sulle trivelle perché, lo dico onestamente, non ci avevo capito molto. Mi dicevo "io abito nel Lazio, le trivelle sono questioni delle regioni che si affacciano sull'Adriatico", ma ragionando così verrei meno al mio impegno politico. Allora mi sono andato a documentare.

Se avrai la pazienza di seguirmi, cercherò di spiegarti brevemente che opinione mi sono fatto.
Sei pronto?
Partiamo.
 
Cosa chiede esattamente il referendum?
Il referendum chiede che ci sia un divieto netto di estrarre petrolio vicino alle coste marine (entro le 12 miglia marine). 

Ma è pericoloso il petrolio per il Mediterraneo?
Ti ricorderai certamente il drammatico incidente nel Golfo del Messico in cui furono sversate tonnellate di petrolio. Neanche paesi come gli Stati Uniti possono riuscire a fermare le maree nere. Immagina che ciò accadesse a Silvi Marina, oppure a Grottammare, oppure ancora a Porto San Giorgio, o al largo del Gargano. Un disastro. Un pericolo che dovremmo correrre solo per far contente le multinazionali del petrolio. E poi conoscerai la pratica dell'"airgun"! No? Sono esplosioni sottomarine di aria compressa. Ti lascio immaginare le probabilità di vedere spiaggitati capodogli e delfini morti.

Insomma il gioco non vale la candela...
Proprio no, perché se estressimo tutto il petrolio del mare italiano ci basterebbe appena per 2 mesi, mentre invece dovremmo esporre il mare Adriatico, delicato perché chiuso, a rischi incalcolabili anche per la nostra salute.

Sicuramente ora starai pensando alla macchina parcheggiata in garage. La usi tutti i giorni per andare a lavorare perché il tuo comune non ti mette a disposizione mezzi pubblici o, se te li mette, non sono degni di essere chiamati tali. Non c'è dubbio che si dovrebbero cambiare tante cose a cominciare dalle politiche energetiche di questo Paese, sempre più schiavo del petrolio (e dei paesi arabi). Ma iniziamo con il VOTARE SI' AL REFERENDUM DEL 17 APRILE!!!!

Autismo e farmaci: un convegno a Napoli svela che...

Si è conclusa a Napoli l"INTERNATIONAL CONFERENCE"Applied Behavior Analysis in the Treatment of Autism", organizzato dall' IRFID ONLUS. 

Il convegno ha presentato gli studi più recenti nel campo dell’Analisi Comportamentale Applicata e ha visto la partecipazione di illustri neuropsichiatri del panorama internazionale tra i quali: 
il Prof. Brian A. Iwata, BCBA-D (University of Florida, Gainesville)
Prof. Judah Axe, BCBA-D (Simmons College, Boston)
Prof. Henry Schlinger, BCBA-D (California State University, Los Angeles)
Prof. Mattew Normand, BCBA (University of the Pacific, Stokton)
Prof. Peter Gerhardt (The Epic School, Paramus, NJ). 

Per l'Istituto IRFID è intervenuta la dott.ssa Valeria Rizzano, Psicomotricista ABA che ha presentato uno studio effettuato presso il Centro Neapolisanit di Ottaviano che coinvolge 6 bambini con disturbo dello spettro autistico mirato a migliorare l'intellegibilita e l'accuratezza del vocale. Lo studio è stato effettuato in équipe, Rizzano Valeria, Giovanna Palmieri, con la supervisione del dottore Luigi Iovino supervisore certificato. La dott.ssa Rizzano tiene a sottolineare che solo una società capace di affrontare l'autismo è capace di rispondere a ogni altra forma di handicap perché l Autismo è il peggiore degli handicap, infatti pur accompagnandosi ad un aspetto fisico normale è un handicap grave che coinvolge diverse funzioni cerebrali e perdura per tutta la vita. 

"Al momento - continua la dott.ssa Rizzano - il metodo indicato anche dalle linee guida dell’Istituto Superiore della Sanità Italiano per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico, con dimostrata efficacia, è l'ABA noto come Analisi Comportamentale Applicata. Come ribadiamo in questo Convegno, tale metodo non è una cura, è una Scienza applicata. Sarebbe come dire che la Medicina è una cura. Il farmaco cura, la Medicina è la Scienza applicata che si avvale delle conoscenze di altre Scienze, tra cui la farmacologia, per curare le malattie. L’ABA studia metodi per favorire l’adattamento dell’uomo in varie situazioni, per facilitare l’apprendimento di abilità complesse. Ecco perché dà risultati anche nell’autismo. Attraverso i suoi metodi è possibile sviluppare la cognizione, il linguaggio e la comunicazione, la prospettiva del Sè, le abilità scolastiche, imparare a leggere, scrivere e fare calcoli. E suggerisce strategie efficaci anche per la riduzione dei comportamenti problematici e le stereotipie."

Fonte: http://www.puntoagronews.it

martedì 12 aprile 2016

Consiglio comunale, incontro con il Vescovo: considerazioni a margine della giornata

Ieri si è svolto il consiglio comunale straordinario alla presenza del Vescovo di Palestrina, S.E. Mons. Sigalini, in visita pastorale a Gallicano nel Lazio
Tra gli interventi, il Sindaco ha descritto bene la situazione di Gallicano, soprattutto dei giovani, delle tante famiglie in difficoltà. Il Vescovo, che conosce questa realtà, ha risposto proponendo alcune soluzioni che probabilmente passeranno al vaglio dei prossimi consigli comunali. 

Immaginavo un consiglio comunale un po' diverso. Una visita pastorale di un Vescovo apre le porte a tante riflessioni, ma si è preferito concentrarsi su aspetti economici quasi fosse una commissione bilancio

Probabilmente non è stato un caso che l'incontro con il Vescovo avvenisse proprio ieri, Martedì della terza settimana di Pasqua. Nel Vangelo del giorno a Gesù viene chiesto un segno perché i suoi interlocutori possano credergli. Allo stesso modo anche noi, per poter credere, esigiamo un segno che risponda a quello che ci aspettiamo. Come penso anche il Vescovo, nel suo cammino di fede, avrà bisogno di costanti e quotidiane conferme. La disoccupazione e la precarietà economica fanno da sfondo ad una crisi che viene da lontano e ne diventano giustificazione, anche per pratiche malsane come la droga.

Sull’uomo lasciato in balia di se stesso, la volontà di potenza ha facile gioco: dove è persa la relazione col Trascendente è aperta la strada ad ogni possibile manipolazione dell’uomo sull’uomo, della sua dignità come persona e come cittadino. Dunque ritengo ci sia arsura desertica di segni, che magari ci sono, ma sono spesso offuscati da sagre paesane e fuochi d’artificio. Gesù ha detto: "Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio". Rimettere l’essere umano al centro dell’azione politica è sicuramente compito della politica, compito della Chiesa è di fargli riscoprire quella dignità che gli viene dall’essere creatura di Dio. Avrei apprezzato dal Sindaco un discorso come questo, molto più laico di tante panzane sui diritti civili. I segni che la Chiesa è chiamata a dare, a mio avviso, sono altri. Ben più duraturi di un voucher, ben più solidi di una casa di mattoni. Posso dire di essere rimasto soddisfatto dell'incontro con il Vescovo? No, non posso dirlo. O almeno non posso dirlo appieno.
A margine del consiglio alcuni cittadini di Gallicano e Valle Martella hanno fatto le loro rimostranze circa i progetti di impianto a biogas e megacimitero che il Comune di Gallicano ha intenzione di edificare su Passerano. Ho invitato il Sindaco ed il Vescovo ad ascoltare, anche dopo il consiglio, per pochi minuti, questi cittadini. Il Sindaco ha rifiutato, il Vescovo è sembrato volersi fermare, leggere qualche cartello di protesta, ma poi ha proseguito. La questione sarà oggetto di un altro post che pubblicherò successivamente. Troppi cialtroni stanno creando confusione e zizzania intorno ad un tema serio e complesso.

lunedì 11 aprile 2016

Gallicano nel Lazio: 17 aprile inaugurazione restauro Ponte Barucelli

Il 17 aprile sarà inaugurato, in un suggestivo lembo dell’agro prenestino, il restauro del Ponte Barucelli, effettuato dalla Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale nel 2012-2015. Il ponte, situato a breve distanza dal percorso della Via Praenestina antica, di cui si conserva intatto il lastricato in pietra lavica, è costituito in realtà dai due monumentali ponti, vicinissimi fra loro, con cui gli acquedotti Anio Novus e Aqua Claudia (38-52 d.C.), provenienti dalla valle dell’Aniene e diretti a Roma, attraversavano il fosso dell’Acqua Nera. Le gigantesche strutture, dotate di archi e contrafforti, più volte restaurate durante l’età imperiale al punto da offrire oggi un vero campionario delle murature romane, formano un connubio inscindibile con la vegetazione arborea. Il restauro ha mirato a rimediare ai danni prodotti dalle radici, conservando però inalterato il romantico “fascino delle rovine”. Nella seconda parte dell’evento, che si svolgerà nell’ex Granaio della Tenuta Agricola di Passerano, sarà illustrata, con video-proiezione, l’attività di ricerca e tutela svolta negli ultimi anni dalla Soprintendenza nell’Ager Praenestinus.
Per informazioni: zaccaria.mari@beniculturali.it;sergio.sgalambro@beniculturali.it

venerdì 8 aprile 2016

Gallicano nel Lazio: accesso agli atti mensa scolastica, dopo un mese nessuna notizia!!!!

L'8 Marzo 2016 provvedevo ad inviare a mezzo PEC la seguente RICHIESTA DI ACCESSO AGLI ATTI:

Oggetto: richiesta di accesso agli atti relativi al servizio di mensa scolastica
               
                Il sottoscritto Consigliere Comunale, Galli Mario,
visto il D.Lgs 193/2007 “Applicazione regolamenti comunitari “Pacchetto Igiene”;
visto il Reg. CE 852/2004 “Autocontrollo HACCP”;
visto il Reg. CE 178/2002 “Tracciabilità/Rintracciabilità di filiera”;
vista la L. n. 833/1978,
richiede:
- documentazione scritta (Piano e Registro HACCP) comprensiva di schede di controllo e certificazioni dal settembre 2015 ad oggi, ai sensi del Reg. CE 852/2004 art. 5;
- ultima documentazione scritta relativa alle procedure adottate che consentano di fornire informazioni circa rifornimento materie prime, semilavorati - ragione sociale e recapito dei fornitori - natura e quantità dei beni ricevuti - data di ricevimento - ai sensi del Reg. CE 178/2002 art. 18;
- documentazione scritta che attesti, ai sensi del Reg. CE852/2004 Cap. XII allegato II, l’avvenuta idonea formazione del personale riguardo a igiene alimentare ed applicazione delle misure di autocontrollo;
- se l’Ente appaltante effettua supervisioni sull’operato della ditta appaltatrice il servizio mensa, effettuando controlli all’interno dell’impianto, sui mezzi utilizzati per il trasporto del vitto e sottoponendo periodicamente gli alimenti preparati a campionamenti microbiologici ai sensi della L. n. 833/1978. Con tale richiesta non si intende sapere se il Sindaco abbia mangiato nella mensa scolastica, né il suo personale parere circa la qualità del servizio.
In caso di omessa trasmissione della documentazione nei termini di Legge, la presente richiesta verrà trasmessa ai competenti uffici dell’ASL, al Prefetto di Roma, al Ministero della Salute ed a tutti gli organi competenti in materia.
Cordiali saluti
Mario Galli (Progetto Comune-Lista Civica, capogruppo)

Ad oggi, 8 Aprile 2016 non mi è stata consegnata alcuna documentazione. 
L'ultimo capoverso parla chiaro: 
In caso di omessa trasmissione della documentazione nei termini di Legge, la presente richiesta verrà trasmessa ai competenti uffici dell’ASL, al Prefetto di Roma, al Ministero della Salute ed a tutti gli organi competenti in materia.

XI Comunità Montana: Piano di Sviluppo Locale 2014-2020. Gli incontri.

Il GAL, in collaborazione con i sindaci del territorio, ha organizzato 14 incontri presso i comuni aderenti al partenariato per informare gli attori locali e svolgere attività di ascolto in vista del nuovo Piano di Sviluppo Locale 2014-2020, un importante strumento di programmazione delle politiche di sviluppo rurale e territoriale.
Il GAL presenterà il nuovo piano entro il 31 maggio, in risposta al bando della Regione Lazio per la “predisposizione, presentazione e selezione delle proposte di Piano di Sviluppo Locale (PSL) dei Gruppi di Azione Locale”, a valere sul Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 – misura 19.
I comuni coinvolti nella nuova programmazione sono: Colonna, Castel San Pietro Romano, Frascati, Labico, Gallicano nel Lazio, Montecompatri, Monte Porzio Catone, Nemi, Palestrina, Rocca Di Papa, Rocca Priora, Rocca di Cave, San Cesareo e Valmontone. Sono invitati a partecipare ai lavori preparatori i rappresentanti degli enti pubblici, delle associazioni, delle aziende agricole, agroalimentari e turistiche del territorio. 

ISCRIVITI All’INCONTRO NEL TUO COMUNE

Incontri in comune - Gallicano nel Lazio

giovedì 7 aprile 2016

Regione Lazio, lavoro giovani: sostegno economico a chi vuole mettersi in proprio

Oggi ti voglio segnalare SELFIEmployment, l'opportunità che cerchi per sviluppare le tue idee di business e avviare iniziative imprenditoriali attraverso un percorso di formazione e accompagnamento che ti consentirà di accedere ai finanziamenti agevolati.
 
Per partecipare devi avere tra 18 e 29 anni ed essere iscritto al programma Garanzia Giovani. Se hai questi requisiti devi per prima cosa frequentare un percorso di formazione e accompagnamento all'avvio di impresa di Garanzia Giovani. Rivolgiti a uno dei Servizi per l'impiego della tua Regione o fai il test di autovalutazione delle attitudini imprenditoriali e poi  iscriviti all'iniziativa Crescere Imprenditori di Unioncamere.

Una volta completato il percorso, con il tuo business plan e il documento di accompagnamento avrai la possibilità di accedere ai finanziamenti del Fondo SELFIEmployment. Gestito da Invitalia, sotto la supervisione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il fondo finanzia l'avvio d'iniziative imprenditoriali promosse da giovani NEET, attraverso la concessione di prestiti a tasso zero.

Puoi partecipare se sei un NEET, un giovane tra 18 e 29 anni che non studia, non lavora e non frequenta corsi di formazione professionale. Non basta. Devi sentire di avere una forte attitudine al lavoro autonomo e all'imprenditorialità oltre alla voglia di metterti in gioco.
Puoi diventare imprenditore di te stesso, pianificare e costruire la tua carriera lavorativa, valorizzare le tue attitudini.

COME PARTECIPARE?

Se non sei ancora iscritto a Garanzia Giovani
Sei un giovane NEET tra 18 e 29 anni: aderisci subito al Programma Garanzia Giovani.

Se sei iscritto a Garanzia Giovani
In questo momento non hai una misura di politica attiva in corso (ad esempio un tirocinio, un percorso di formazione, apprendistato, servizio civile, ecc.). Puoi quindi accedere al test di autovalutazione per verificare le tue attitudini imprenditoriali e iniziare il percorso Crescere Imprenditori di Unioncamere. Ricorda che devi essere in possesso delle credenziali del portale Cliclavoro. In alternativa, rivolgiti al Servizio per l'Impiego più vicino a te e verifica se la tua Regione ha avviato percorsi di accompagnamento all'autoimpiego.

Se hai completato il percorso di accompagnamento
Hai il tuo business plan e il documento di accompagnamento che ti è stato consegnato a chiusura del percorso. Puoi presentare la domanda di accesso al Fondo SELFIEmployment. Compila subito la domanda qui.

Sì, va bene, ma quanto mi danno?
Il percorso di formazione e accompagnamento Crescere Imprenditori, mirato e personalizzato, ti consente di avere supporto specialistico durante la concretizzazione della tua idea di impresa, attraverso  la redazione del business plan. Questo, insieme al documento di accompagnamento (che certifica le competenze acquisite durante tutto il periodo di formazione), ti consente di accedere alle opportunità di finanziamento del Fondo SELFIEmployment che finanzia piani di investimento inclusi tra 5.000 e 50.000 euro. I prestiti erogabili sono:
  • microcredito, da 5.000 a 25.000 euro
  • microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro
  • piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro
Si tratta di finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma rimborsabili in massimo 7 anni con rate mensili posticipate che partono dopo sei mesi dalla concessione del prestito.

Se questo post ti è stato utile o lo trovi interessante per i tuoi amici, condividilo sui social network e se hai domande puoi scriverle nei commenti, sarò lieto di risponderti.

mercoledì 6 aprile 2016

Cosa è l'autismo? Lo racconta un cartone animato



Un cartone animato per raccontare l'autismo.
www.dallaluna.it

Cos'è "SOS Autismo"? Come funziona? Come posso contattarlo?

Parte dall’idea di un papà di un giovane adulto con sindrome di Asperger il servizio “Pronto soccorso autismo”, un servizio di accoglienza gratuita a cui si accede attraverso email, telefono e via skype.
Il servizio, nato a Torino ma che si sta espandendo a livello nazionale grazie al sostegno fattivo di tanti professionisti, è gestito da un gruppo di esperti che ha deciso di creare una “pronta” e rapida modalità di sostegno, efficace e gratuita, a bisogni e/o richieste di aiuto provenienti da persone che vivono, quotidianamente, le dinamiche legate ai disturbi dello Spettro Autistico.

L’équipe è formata da 16 figure professionali esperte in autismo che hanno deciso di prestare il loro tempo e la loro professionalità per fornire gratuitamente una prima accoglienza e un primo aiuto rapido. Attraverso un servizio interno di triage viene garantito entro 48h lavorative (6 giorni) un primo sostegno da parte della figura più adeguata alla dinamica segnalata.
Le aree del servizio di accoglienza sono sostanzialmente tre:
  • sostegno umano: si basa su un ascolto attivo verso la persona che chiama per ricevere un aiuto. La persona dell’equipe coinvolta nel contatto viene scelta in base a parametri che esaltano le caratteristiche di serietà e di sensibilità nel rapporto con l’assistito
  • sostegno clinico: l’utente che contatta il servizio riceve un parere da un professionista sulle problematiche esposte. Si tratta di un momento di riflessione e di approfondimento. Il servizio non fornisce diagnosi e non si sostituisce ai sostegni medici legali; l’obiettivo è quello di trovare una risposta agli aspetti relativi alle difficoltà sollevate in un tempo relativamente breve.
  • sostegno legale: si offre la possibilità di ricevere una risposta rapida ed efficace alle domande relative a questioni legali e/o problemi giuridiche che possono presentarsi quando in famiglia vi è un caso di patologia autistica.
Sottolineiamo che SOS autismo non intende sostituirsi ad altri servizi, non è una associazione e non ha alcuna forma giuridica: è una rete informale di prima accoglienza formata da professionisti volontari.
Attualmente l’équipe è formata da: lo Psicologo, il Neuropsichiatra, lo Psichiatra, lo Psicoterapeuta, l’Educatore, il Logopedista, il Sessuologo esperto in Autismo, il Pediatra, il Counselor, l’Assistente Sociale, l’Avvocato, l’Esperto in Legge 104, il genitore/familiare – a disposizione ci sranno –  una madre, un padre, una coppia, una sorella, un fratello e dei nonni), la persona con sindrome di Asperger, il Consulente Psicoeducativo ed il Pedagogista.
Maggiori informazioni si potranno avere telefonando  al numero 347 6526995 o scrivendo a info@prontosoccorsoautismo.it.
Fonte: www.sociopratiche.org 

Regione Lazio: Disposizioni in merito alla predisposizione delle attività esercitative da parte delle Organizzazioni di volontariato



Vi segnalo la determinazione della Giunta regionale del Lazio (cliccare qui per vederla) avente ad oggetto “Disposizioni in merito alla predisposizione delle attività esercitative da parte delle Organizzazioni di volontariato iscritte regolarmente nell'Elenco territoriale regionale o nazionale e/o dai Comuni della Regione Lazio”.

Si tratta di un provvedimento con il quale L’Agenzia Regionale di Protezione Civile della Regione Lazio vuole favorire le attività esercitative da parte delle Organizzazioni di Volontariato regolarmente iscritte all’Elenco territoriale regionale e/o dei Comuni della Regione Lazio con l’obiettivo di far crescere la cultura di Protezione Civile nella società e come momento di verifica dell’addestramento formativo continuo di tutti gli operatori del Sistema Integrato Regionale di Protezione Civile.

L’Agenzia, sulla base anche della circolare del DPC, ha ritenuto utile, per garantire uniformità sull’intero territorio regionale, approntare disposizioni di supporto alla programmazione, organizzazione e svolgimento delle attività esercitativo addestrative richieste dalle Organizzazioni e/o dai Comuni.

Le attività vengono classificate in “esercitazioni di protezione civile” e “prove di soccorso”, il provvedimento in oggetto si occupa in particolare delle esercitazioni di protezione civile.
Quest’ultime hanno lo scopo di verificare quanto riportato nella corrispondente pianificazione di emergenza comunale, intercomunale o provinciale, laddove già predisposta, pertanto di testare la validità dei modelli organizzativi e di intervento da approntare o di verificare il processo formativo sostenuto. Gli argomenti dell’esercitazione dovranno essere sviluppati in un apposito documento di impianto che deve essere condiviso tra tutte le Organizzazioni/Amministrazioni che partecipano all’attività esercitativa

In particolare viene fissato il termine del 30 novembre di ogni anno entro il quale devono pervenire all’Agenzia da parte delle Organizzazioni o dei Comuni le proposte di svolgimento delle esercitazioni per l’anno successivo. Tutte le proposte pervenute oltre questo termine non saranno prese in considerazione.

Le disposizioni  contenute nel documento riguardano le proposte di esercitazioni che saranno svolte dal 2017 in avanti, fermo restando che l’Agenzia auspica che per le richieste presentate o da presentare per esercitazioni da svolgere nel 2016, le Organizzazioni o i Comuni, rispettino comunque i tempi sopra indicati e discutano e concordino precedentemente con l’Agenzia il Documento di Impianto e soprattutto le eventuali modalità di attivazione dei Flussi di Comando.

Infine è stato predisposto il Documento di Impianto Preliminare (DIP), si tratta di un documento fondamentale e obbligatorio per la presentazione della proposta che dovrà contenere una serie di indicazioni sviluppate in modo organico e non sintetico, senza le quali la proposta verrà rigettata.