martedì 29 marzo 2016

Il comune di Gallicano nel Lazio aderisce allo Sportello Attività Produttive Srl

Il Comune di Gallicano ha aderito al progetto PST - Sportello Attività Produttive.
Io l'ho scoperto facendo una ricerca su Google. 

Vediamo insieme di cosa si tratta.

Dall'ufficio stampa della società si legge che:
Il Progetto PST è un Piano di sviluppo, elaborato dalla società Sportello Attività Produttive per i comuni italiani e che ultimamente è entrato in altri 7 comuni: Settingiano, Cinquefrondi, Oppido Mamertina, Castrovillari, Avola, Gallicano nel Lazio e Cesa.
Il nucleo forte è in Calabria, dove risiede la sede centrale dell’azienda.
Il programma si basa sull’ottimizzazione dei Finanziamenti Pubblici messi a bando, attraverso la comunicazione agli Amministratori Locali di tutti i bandi pubblici emessi ai vari livelli di Governo e la successiva divulgazione dei finanziamenti agevolati e delle agevolazioni finanziarie, rispettivamente, alle aziende ed ai cittadini.
Non appena verrà completata la fase di attivazione, i cittadini, le aziende, le associazioni e i professionisti dei comuni sopra indicati, potranno leggere i bandi sul portale della società Sportello Attività Produttive Srl oppure riceverli via sms multimediale e via mail registrandosi tramite il sito istituzionale del loro comune.

Quanto costa questo servizio?
Sempre dal sito della società si legge:

Dettaglio Comuni da 5.001 a 10.000 abitanti

Modulo “Comunicazione dei bandi pubblici alla Giunta Comunale”

  • Attivazione n. 5 Account (Sindaco + n. 4 Assessori)
    • Accesso all’area riservata del portale web tematico
    • Accesso all’App tematica
  • Invio schede sintetiche bandi a mezzo e-mail ed SMS Landing
  • Centro assistenza dedicato ai membri della Giunta Comunale
NB. è possibile acquistare solo la prima parte dell’abbonamento (Modulo Comunicazione) direttamente sul MEPA con codice: PST 10000 MC al prezzo di 550€ + IVA

Modulo “Divulgazione dei bandi pubblici alla Cittadinanza”

  • Parametrizzazione account personale dell’Ente sulla piattaforma S.A.P.
  • Accesso illimitato all’area riservata del portale web tematico
  • Accesso illimitato all’App tematica
  • Personalizzazione App con n. 4 sezioni (Amministrazione, Uffici, Segnalazioni e News/Eventi)
  • Formazione n.1 dipendente per servizio di front office presso l’Ente
  • Inserimento icona “Finanziamenti Pubblici” nel portale istituzionale dell’Ente
  • Gestione sistema di registrazione ed attivazioni credenziali
  • Gestione banca dati utenti con report quadrimestrale
  • Invio schede sintetiche bandi a mezzo e-mail (Pacchetto da 5.000 e-mail)
  • o Invio schede sintetiche bandi a mezzo SMS Landing (Pacchetto da 5.000 SMS Landing)
  • o Assistenza alla Cittadinanza per mezzo dell’“InfoPoint”
  • o Gestione Social Network Communication
  • o Predisposizione file grafici per materiale di comunicazione
NB. è possibile acquistare l’abbonamento completo direttamente sul MEPA con codice: PST 10000 al prezzo di 1950€ + IVA

Queste le prime informazioni che sono riuscito a trovare. A prima vista sembra un'ottima idea che potrebbe portare sviluppo alle imprese del nostro comune, ma personalmente mi rimane l'amaro in bocca poiché circa un anno fa presentai al comune di Gallicano alcuni funzionari della CNA di Roma per realizzare un progetto uguale a questo ed a costo pari a zero. Non me ne voglia l'attuale assessore al bilancio del Comune di Gallicano, ma quando parla di "collaborazione" e di "apporto di idee" non credo che ci capiamo bene. Se la collaborazione ci deve essere nell'applaudire ogni iniziativa della maggioranza allora siamo sue due lunghezze d'onda differenti.

venerdì 25 marzo 2016

Referendum 17 Aprile: comune di Gallicano nel Lazio, sorteggiati oggi gli scrutatori

Oggi ho preso parte alla Commissione Elettorale del Comune di Gallicano che ha sorteggiato gli scrutatori per la prossima tornata referendaria del 17 Aprile.

Fare lo scrutatore di seggio durante le elezioni può rivelarsi un ottimo lavoro temporaneo, con un guadagno adeguato al lavoro svolto. Per essere scrutatore di seggio devi possedere tutti i requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere questo incarico è necessario fare domanda al tuo comune di residenza per l'iscrizione all'Albo degli Scrutatori di seggio.

Occorrente
Essere un elettore e aver assolto gli obblighi scolastici; 
presentare domanda all'Ufficio Elettorale del proprio Comune
inoltrare la domanda nel periodo dal 1 ottobre al 30 novembre di ogni anno.

Innanzi tutto accertati di possedere tutti i requisiti di legge per fare lo scrutatore. Essi sono:- Possesso della cittadinanza italiana;- Aver compiuto il 18° anno d'età;- Aver frequentato la scuola dell'obbligo;- Essere iscritto nelle liste elettorali del Comune;- Svolgere una professione non inconciliabile con la funzione di scrutatore.

Se pensi di essere idoneo, recati all'Ufficio Elettorale del tuo Comune di residenza, meglio se nel periodo compreso fra l' 1 ottobre e il 30 novembre dell'anno in corso. Questo è il periodo ideale per poter fare la domanda per entrare nell'Albo degli scrutatori di seggio. Infatti le elezioni si tengono generalmente in primavera. Tieni presente che questa richiesta d'iscrizione all'albo deve essere presentata una sola volta, per cui non dovrai fare richiesta ogni anno in cui sono previste le elezioni. 

Il modulo di richiesta deve essere compilato in ogni sua parte; Indica il tuo cognome, il tuo nome, il luogo e la data di nascita, il titolo di studio ed infine la residenza.  Devi anche dichiarare, pena il rifiuto della domanda, di essere elettore attivo e di aver assolto tutti gli obblighi scolastici. Infine inserisci in fondo la data e la tua firma e rilascia il modulo. Una valida alternativa, se non vuoi fare la fila, è quella di inviare la domanda all'Ufficio Elettorale tramite raccomandata con avviso di ricevimento, seguendo le stesse modalità di compilazione. 

Dopo che avrai fatto la richiesta, dovrai attendere il 15 gennaio dell'anno successivo, che è in genere la data in cui l'albo viene depositato presso l'Ufficio Elettorale, per la durata di quindici giorni. Recati dunque nuovamente all'Ufficio Elettorale e controlla se il tuo nominativo è stato inserito in elenco. 

Qualora tu venga scelto come scrutatore, ti verrà notificata la nomina dal sindaco al tuo domicilio entro il quindicesimo giorno precedente le elezioni. In caso di un tuo impedimento ad assolvere l'incarico dovrai, entro 48 ore dal ricevimento della notifica, presentare un giustificativo all'Ufficio Elettorale, in modo che possa adeguatamente sostituirti.

mercoledì 23 marzo 2016

#siamotuttigiancarlo: la mia solidarietà all'amico Giancarlo Ceci

Giancarlo Ceci è stato accusato di diffamazione a seguito delle dichiarazioni, fatte durante l'audizione parlamentare del 13 luglio 2015, nella quale ha partecipato al fianco di altri comitato impegnati nella battaglia contro la devastazione dell'Agro Romano Antico.
Tutta la mia solidarietà all'amico Giancarlo che conosco e grazie al quale ho potuto apprendere informazioni circa l'impianto a biogas di Gallicano nel Lazio. Informazioni vere e diverse rispetto a quelle che sono circolate per tanti anni e che hanno disinformato la gente.
Giancarlo ha sacrificato la propria vita personale per queste battaglie in tutto il Lazio, sacrificando tempo e soldi per la tutela della salute e dell'ambiente. 
Anche se molti di coloro che hai aiutato, caro Giancarlo, ti hanno voltato le spalle, io non lo farò. Questa denuncia nei tuoi confronti, che ci accomuna nel triste destino di chi dice sempre la verità, ci stringe sempre più compatti nella tutela del nostro territorio e mi spinge ad andare sempre più avanti. 
#SIAMOTUTTIGIANCARLO

Sui fatti di Bruxelles



Mi stanno arrivando numerose e-mail e messaggi che mi chiedono, alcune anche in modo molto volgare, perché non abbia scritto nulla su quello che è successo in Belgio.
Tenterò di dare una spiegazione comprensibile a tutti.


Uccidere non è mai la soluzione ai mali del mondo. L'isterismo susseguente ad un attacco terroristico rappresenta il successo dell'azione terroristica. E di isterismo in questi giorni ce n'è molto in giro. Almeno sui social network, ma anche in televisione. Come dite? Non è la vita reale? Andate allora al bar sotto casa e ascoltate i discorsi che si fanno. Ognuno vuole dire la propria, soprattutto quando non se ne sa abbastanza di certi argomenti, quando non si sa nemmeno cosa sia l'ISIS e cosa sia il Siraq o il Daesh. Ma, come ho sempre sostenuto, specialmente i social,danno la certezza a chiunque di essere ascoltato, da qui il loro successo (dei social network).
Non credo sia sbagliato, in questi giorni, restare in silenzio. Silenzio che nella nostra società, evoluta, opulenta, non è un atteggiamento che va di moda. Infatti tutti si affannano a postare immagini di gente morta, idee politiche spacciate per verità assolute da imporre anche e soprattutto con la forza. Non starò qui a giudicare lo sciacallaggio perpetrato da personaggi politici che, personalmente, non mi sono mai piaciuti. Quello che fa più schifo è chi lecca il culo a quei politici senza rendersi conto di cosa scrivono. Sembra una gara a chi acquista più like in un terno conflitto tra occidente e oriente, una immane crociata per difendere chissà cosa, senza conoscere, senza approfondire ciò che è diverso da noi. Piuttosto che dire la propria ad ogni costo, a volte è meglio tacere. Pensare, riflettere, aprire un bel libro e leggerlo. Informarsi. Sempre, quello sì, ad ogni costo. 

domenica 20 marzo 2016

Compreresti una casa vicino ad una discarica?


Oggi sono stato con gli amici di Salviamo Passerano a Valle Martella, piccola (neanche tanto) frazione di Zagarolo. Abbiamo informato molti cittadini (di Valle Martella, di Gallicano, anche di Roma) circa i progetti di cimitero comprensoriale e di impianto a biogas/biometano che il comune di Gallicano vorrebbe realizzare poco distante dal centro abitato di Valle Martella. Circa 150 persone si sono iscritte per poter ricevere informazioni sui prossimi eventi. Ringrazio gli amici di U.R.A.Z. (associazione dei Rappresentanti e Cittadini di Valle Martella e Zagarolo), gli amici di Salviamo Passerano per l'invito al quale ho aderito senza indugio alcuno. 
Mi sono fatto un giro per distribuire volantini ed ho scoperto tante persone poco informate "sì, ne ho sentito parlare, ma non ne so nulla", pochissimi (uno) favorevole ai progetti "la tecnologia non si può fermare". Bene, è proprio a quell'uno che vorrei dedicare questo post. 
Molti di coloro che sono favorevoli a questo progetto hanno una casa di proprietà e pagano un mutuo. Non sanno purtroppo che la realizzazione di questi impianti ridurrà drasticamente il valore dei loro immobili. "Ma io tanto me ne andrò da qui" è una delle risposte. E chi vorrete che comprerà una casa a ridosso di una centrale di smaltimento rifiuti, immersa nei miasmi nauseabondi di immondizia accumulata negli anni? Quale valore avrà un'immobile in mezzo ad un cimitero? 
Oppure ci sono quelli che rispondono "ma io ho parlato col sindaco, mi ha garantito che non ci sono pericoli". Di cosa hai parlato col sindaco? Chi è il tuo sindaco? Un ingegnere ambientale? Un progettista di impianti di smaltimento rifiuti? Oppure un chimico. Io, insieme agli amici di Salviamo Passerano e delle altre associazioni che stanno lottando con noi, ho studiato la materia, per quanto mi è stato possibile e le informazioni che ho potuto ricevere fanno pensare che il "principio di precauzione" in situazioni come questa vada assolutamente rispettato. 
Vi siete mai chiesti perché tutti coloro che vogliono e sposano questo tipo di progetti non si sottopongono ad un democratico dibattito pubblico? Perché non avrebbero le competenze per poter spiegare, dati alla mano, la fondatezza delle loro idee. 
Ma non mi va di perdere tempo a parlare di questo. Vorrei soltanto che si faccia chiarezza e che non si confondano mai i diritti con i favori. 

mercoledì 16 marzo 2016

Regione Lazio: Bando Giubileo per organizzazioni volontariato

La Regione Lazio con una propria determina, di cui allego il testo, ha stabilito le modalità e i criteri di spesa per la realizzazione di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia.
La Regione Lazio intende sostenere progetti presentati da queste Organizzazioni, che siano regolarmente iscritte presso il Registro regionale, al fine di favorire iniziative e attività di questi soggetti in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia. Le Organizzazioni di Volontariato potranno, coerentemente con le proprie finalità statutarie presentare progetti legati ai temi del Giubileo Straordinario della Misericordia.
L’Avviso Pubblico, sarà predisposto dal Comune di Roma Capitale, attenendosi a quanto stabilito dal documento allegato.
Anche le risorse economiche saranno gestite, per conto della Regione Lazio dal Comune di Roma Capitale, nel rispetto delle modalità fissate dalla stessa determina. Le risorse messe a disposizione dalla Regione Lazio ammontano complessivamente ad euro 700.000,00.

martedì 15 marzo 2016

Comune di Gallicano nel Lazio - Piano particolareggiato Acquatraversa: le ragioni del mio voto contrario

Lunedì 14 marzo abbiamo discusso in Consiglio Comunale l'adozione del Piano Particolareggiato di Acquatraversa. Devo dare atto al Sindaco di aver mantenuto la sua promessa, fatta l'anno scorso nell'ultimo consiglio comunale straordinario aperto, in cui aveva dichiarato che entro aprile 2016 avrebbe approvato il Piano Particolareggiato.
Nonostante fossi stato il primo (e quasi l'unico) a sostenere con forza il problema di terreni edificabili, di fatto inedificabili, i cui proprietari pagavano (e pagano) l'IMU sui terreni edificabili in modo abnorme, il mio voto all'adozione di questo piano è stato contrario e vi spiego perché.

Due sono le ragioni. 

La prima: questo Piano, come tutti i piani fatti dai comuni, è fatto per semplice e pura speculazione. Una volta approvato (probabilmente tra 90 giorni, per ora è solo adottato) NESSUN SINGOLO PROPRIETARIO potrà edificare. Il Piano è suddiviso in comparti, ogni comparto ha la sua cubatura e se i proprietari di un determinato comparto vorranno edificare, dovranno CONSORZIARSI e definire una convenzione con il Comune. Convenzione che dovrà contenere, obbligatoriamente, la costruzione delle opere di urbanizzazione: strade, marciapiedi, parcheggi, depuratore. A meno che non arrivi un costruttore che compri tutti i terreni (al prezzo che dice lui ovviamente), rada tutto al suolo e riedifichi per poi rivendere (sempre al prezzo che dice lui). 

La mia proposta è stata quella di realizzare un Piano di recupero. Che significa? Avendo già un tessuto edificato, si poteva fare un Piano assegnando piccole cubature premio per chi avesse voluto edificare parte delle opere di urbanizzazione, oppure definire la media delle cubature stabilendo in tal modo chi ed in che modo avrebbe potuto edificare (magari non più di due piani, oppure non più di un tot di metri cubi). Proposta respinta. Respinta perché, a mio modo di vedere, non si vogliono fare gli interessi di chi è già proprietario di questi terreni e legittimamente aspira a definire una posizione (quella dell'IMU sul terreno edificabile) ormai insostenibile.

La seconda (e ben più grave): ogni Piano deve per legge essere assoggettato a procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) a norma del D.Lgs. 152/2006. In Commissione Urbanistica ho chiesto se questo Piano aveva espletato la procedura di VAS. Mi è stato risposto che non ce ne era bisogno perché era al di sotto del 40 ettari. Mi sono poi andato a studiare meglio la legge ed ho scoperto che è invece molto chiara. La norma del 40 ettari si applica per i progetti (e non i piani) che sono assoggettati a procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Quindi, a norma dell'art. 11 del citato D.Lgs. i provvedimenti amministrativi di approvazione adottati senza la previa Valutazione Ambientale Strategica (VAS) sono annullabili per violazione di legge. 
Mi è stato risposto, in Consiglio Comunale che, poiché il Piano Regolatore del Comune di Gallicano ha già espletato la procedura di VAS, non è necessario farla anche per il Piano Particolareggiato. Ma questo è falso poiché nessun PRG della Regione Lazio ha espletato la procedura di VAS, tanto meno quello del Comune di Gallicano nel Lazio. 

Non sarà certamente mia intenzione fare ricorso per far annullare questo atto. Ma ho voluto far sapere al Consiglio Comunale che questo atto è annullabile. Quale imprenditore investirà in questi terreni una volta viste le carte? Quale autorizzazione potranno avere eventuali consorziati? Non ci è dato saperlo. Quanti soldi dei gallicanesi sono stati spesi per far redarre questo Piano da un tecnico per poi rivelarsi un atto nullo? 

Spero di avervi spiegato nel più semplice dei modi quanto era dovuto. Se avete domande potete scrivermi nei commenti