venerdì 15 febbraio 2013

Il Radon in casa: come proteggersi da un nemico invisibile

Il Radon è un gas radioattivo naturale, incolore, insapore, inodore, estremamente volatile. Non ci accorgiamo della sua presenza, per questo è pericoloso. È la sorgente più importante di radiazioni negli edifici: può rimanervi “imprigionato” a causa di porte e infissi a tenuta stagna o di pareti non traspiranti che “sigillano” i fabbricati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), attraverso l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ha classificato il Radon la seconda causa di tumore polmonare, dopo il fumo. La prima per i non fumatori.

di Anna Rita Signore tratto dal sito http://www.terranauta.it

Radon
Il Radon, emesso dal terreno e dai materiali da costruzione, trasportato anche dall’acqua e dal metano, è la sorgente più importante di radiazioni negli edifici.
Il Radon è un gas radioattivo, con forte emissione di particelle alfa, prodotto dal decadimento nucleare dell’Uranio che, in quantità variabili, si trova in quasi tutte le rocce, in quasi tutti i terreni e nelle acque. La presenza di Radon è, quindi, garantita un po’ ovunque in Natura. Essendo elettricamente neutro e chimicamente inerte, ha una grande mobilità: può muoversi e diffondersi anche lontano dalla zona di produzione. La sua distribuzione e la sua migrazione è controllata direttamente dal terreno: terreni permeabili o fratturati favoriscono una sua veloce fuoriuscita dal sottosuolo. All’aria aperta, il Radon si disperde rapidamente e non raggiunge quasi mai valori pericolosi. Diventa, invece, un problema quando si accumula all’interno degli edifici: il cosiddetto Radon indoor. È il contatto quotidiano con il Radon, dovuto al fatto che trascorriamo l’80 - 90% della giornata in ambienti chiusi e perfettamente isolati, a rappresentare un rischio per la nostra salute; rischio proporzionale alla sua concentrazione in aria e al tempo trascorso negli ambienti chiusi.

giovedì 14 febbraio 2013

Alcune considerazioni circa il mio impegno politico a Gallicano nel Lazio

Tutti gli articoli scritti in questo blog sono spesso presi da Internet, altri sono originali, altri ancora sono solo di servizio. Tutti quanti hanno in comune una sola cosa. Mettere sempre in discussione, me stesso e gli altri. Sarà per la mia formazione accademica, sarà che ho potuto imparare da VERI professori del calibro di Emilio Gentile, Luigi Gambino, Gianfranco Lami, Gabriella Cotta, Fulco Lanchester, Paolo Simoncelli e tanti altri che ho avuto l'onore di conoscere nel mio percorso di studi. Sarà che sono cresciuto in una famiglia in cui il lavoro e l'onestà, intellettuale e materiale, hanno sempre avuto il primato su ogni altra ambizione.

Biogas: la biotruffa che uccide.

Ho letto un un volantino del Comitato Cittadini No Biogase lo pubblico, tratto dal sito http://www.salviamoilpaesaggio.it

Una centrale a biogas avvelena la terra, l’acqua e l’aria. Distrugge il patrimonio agricolo dei territori. Mette in pericolo la salute dei cittadini, diffondendo il botulismo, la tubercolosi e altri pericolosi patogeni. In più è un investimento-truffa, interessante solo per gli speculatori che approfittano degli incentivi, e non produce occupazione. Biogas significa morte. Altro che bio.

FERMIAMO LA CENTRALE DI PIAN DELLA CARLOTTA.

Il tempo stringe.
Nonostante le proteste dei cittadini, le dubbie autorizzazioni, i vincoli presenti nell’area – inserita nell’elenco europeo delle zone a protezione speciale (ZPS)-archeologico-idrogeologico grazie a tutte le falde acquifere…

mercoledì 13 febbraio 2013

RACCORDO BIS: comincia tutto con il silenzio . Ma non è meglio adeguare il trasporto pubblico agli standard europei?

Una strada a sei corsie che taglia la zona sud di Roma: da Fiano – San Cesareo a Tor dè Cenci. Una sorta di Gra bis ma con pedaggio. Un tracciato che corre parallelo per un tratto all’anello del raccordo anulare per collegare velocemente l’autostrada Milano – Napoli con il terminal internazionale di Fiumicino, bypassando il Gra.
“L’asse attraversa parchi come la Riserva di Decima – Malafede che ha un insediamento produttivo di agricoltura biologica, l’Appia Antica, le aree San Marco e Fontana Candida del vino Frascati Doc e Frascati superiore Docg e i terreni di Fioranello e Divino Amore, zona di pascolo per la produzione del pecorino romano Dop. La super strada è uno scempio poiché taglierà violentemente queste zone”, attaccano i Verdi del Lazio.

martedì 12 febbraio 2013

“Un mondo come piace a te”: il concorso che affianca la campagna UE sul clima

Connie Hedegaard, Commissaria UE responsabile all’Azione per il clima, ha lanciato il concorsoUn mondo come piace a te” con cui si invitano i talenti creativi e innovativi di tutta Europa a presentare iniziative per ridurre le emissioni di carbonio. L’iniziativa rientra nell’omonima campagna di azione per il clima condotta dalla Commissione europea.
Verranno presi in considerazione tutti i progetti, grandi o piccoli, realizzati da singoli o da organizzazioni con sede in uno Stato membro dell’UE, purché il loro obiettivo principale sia la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. I progetti possono consistere ad esempio in una bicicletta elettrica per il trasporto di merci, un processo di produzione innovativo che contribuisce a ridurre le emissioni di gas a effetto serra e a far scendere la bolletta dell’elettricità, oppure ancora soluzioni sostenibili nel campo dell’edilizia o del riscaldamento. In Europa gli esempi pratici di come sia possibile vivere a basse emissioni di carbonio, proteggendo il clima e migliorando nel contempo la qualità della vita, sono tantissimi. Il concorso intende costituire una piattaforma per dare visibilità a questi progetti e conferire un riconoscimento a quelli più creativi, pratici ed efficaci.

L'offerta della sofferenza e della preghiera: una risposta a tre domande

tratto da www.vittoriomessori.it
Titolo di et-et.it
di Vittorio Messori
Ci sarà tutto il tempo per analisi, bilanci, previsioni. Oggi, ancora sconcertati, cercheremo solo di dare una possibile risposta a tre domande che ci sono subito sorte.
Innanzitutto: perché, un simile annuncio, proprio in questo giorno di febbraio? Poi:  perché in una riunione di cardinali annunciata come di routine? Infine: perché il luogo scelto per il ritiro da papa emerito?
Riflettendoci, dopo la sorpresa quasi brutale tanto è stata imprevista (e per tutti, nella Gerarchia stessa), mi pare si possano azzardare delle possibili spiegazioni.
L’11 febbraio, ricorrenza della prima apparizione della Vergine a Lourdes, è stata dichiarata dall’<<amato e venerato predecessore>>, come sempre lo ha chiamato, Giornata mondiale del malato. Ha detto Ratzinger, nel latino della breve e sconvolgente dichiarazione: <<Sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino>>.

“iSpeng, e tu?”, 60 minuti di switch-off per la Giornata del risparmio energetico ! Altro che spegnere la luce

Oramai si trascorrono sempre più ore a contatto con le nuove tecnologie, tra smartphone, palmari, tablet e computer. Per una volta, perché non provare a invertire questa tendenza e, anzi, utilizzare i social media a vantaggio della natura?
In occasione della Giornata del risparmio energetico “M’illumino di meno”, che si svolgerà venerdì 15 febbraio 2013, Green Cross Italia vota M’illumino e invita amici e utenti del web a spegnere per 60 minuti, dalle ore 18:00 alle 19:00, i propri dispositivi elettronici, per testimoniare l’impegno a favore della riduzione dei consumi energetici e della salvaguardia ambientale.