mercoledì 12 luglio 2017

Le scelte dell' Amministrazione comunale nell'adozione degli strumenti urbanistici.

Sulle osservazioni formulate dai proprietari di un fondo interessato da nuova destinazione in seguito ad intervenuta variante del piano regolatore generale.
 
Cons. St., Sez. IV, Sentenza 8 maggio 2017, n. 2089

Premassima

Le osservazioni formulate dai proprietari di un fondo,  rappresentano un mero contributo collaborativo alla formazione degli strumenti urbanistici e non danno luogo a particolari aspettative; sicché il loro rigetto non richiede una motivazione dettagliata, essendo sufficiente che siano state previamente esaminate e ritenute in contrasto con gli interessi e le considerazioni generali poste a fondamento della formazione del piano regolatore generale.

Principio

Le osservazioni formulate dai proprietari di un fondo, relative alla circostanza dell'inserimento del medesimo fondo, dapprima in zona B residenziale di completamento, ed in seguito, con l'adozione del PRG comunale, in zona C di espansione residenziale, rappresentano un mero contributo collaborativo alla formazione degli strumenti urbanistici e non danno luogo a particolari aspettative, tali, da giustificare il ripristino della precedente destinazione in zona B. Pertanto. il rigetto delle ridette deduzioni non richiede una motivazione dettagliata, essendo sufficiente che le stesse siano state previamente esaminate e ritenute in contrasto con gli interessi e le considerazioni generali poste a fondamento della formazione del piano regolatore generale. Tra l'altro considerando che le scelte effettuate dall'Amministrazione comunale, nell'adozione degli strumenti urbanistici, costituiscono apprezzamento di merito sottratto al sindacato di legittimità, salvo l'ipotesi che non siano inficiate da errori di fatto o da abnormi illogicità, ne deriva che anche la destinazione attribuita alle singole aree non necessita di motivazione, essendo sufficiente l'espresso riferimento alla relazione di accompagnamento al progetto di variante al piano regolatore generale, sempre che non si sia in presenza di determinate situazioni tali da ingenerare aspettative o affidamenti in favore di soggetti, le cui posizioni, richiedendo all'uopo specifiche considerazioni, appaiano ragionevolmente meritevoli di tutela.
Cons. St., Sez. IV, 8 maggio 2017, n. 2089

martedì 11 luglio 2017

Le periferie di Roma si mobilitano contro i roghi

Da Centocelle a Ponte di Nona, i comitati di quartiere chiedon a gran voce lo stato di emergenza per i roghi che in questi mesi hanno messo a "ferro e fuoco" la periferia est della Capitale. Sono stati i comitati di Ponte di Nona, Colle degli Abeti e Centocelle a chiedere a gran voce al prefetto Basilone, al sindaco Raggi un intervento concreto. Soprattutto per le gravi conseguenze che, specialmente a Ponte di Nona e Villaggio Prenestino, hanno avuto e stanno avendo i roghi: gran parte dei terreni andati a fuoco sono pieni di sversamenti sotterranei di rifuti che, nei giorni successivi, stanno esalando odori nuaseabondi.

Leggi gli articoli su RomaEst.org e l'Osservatore Laziale.

lunedì 10 luglio 2017

#RomaBrucia, ESPOSTO ALLA COMMISSIONE EUROPEA

 

Oggi ho scritto al commissiario europeo per l'ambiente, Karmenu Vella (e ad alcune testate giornlistiche romane ed europee) per esporre il grave problema relativo ai roghi tossici della capitale.

Di seguito il testo inviato (in lingua inglese) ed il contatto del commissario europeo.
Inondiamo la sua casella di posta.



Each evening, looking out of our terraces, we see the black smoke of fires rising to the sky and scattering in the neighborhood. It is no coincidence to see the streets of nearby neighborhoods of garbage dumps. 

We ask the authorities to intervene and put an end to these toxic fires.

In every neighborhood of  the eastern part of Rome  there are continuous columns of acrid smoke rising almost daily and flooding houses and lungs of so many Romans. They told us all about the reasons why these blazes are generated: illegal waste traffic, abusive disposal of special waste, stolen copper being melted, juvenile arsonists not legally persecutable. The only reality facing so many words and facts is that plastic combustion  produces dioxin, and this organic compound is carcinogenic and has persistent, not easily biodegradable, high toxicity that is particularly accumulable in the food chain. Real poisons that spread in the air we breathe and on crops.

It's time to say enough! Neighborhood associations and committees moved to every institutional level (town hall, police station, prosecutor's office, mayor) without anything concrete being done to protect young and old. We ask the authorities to intervene and put an end to the population breathing the result of these toxic fires.

Please help us!

COME FARE PER INVIARLA

1) Copiate il testo in inglese per intero

2) Aprite il vostro account di posta elettronica: Gmail, Outlook, Libero, Virgilio, Alice, Email ecc. ecc.

3) Incollate il testo nel corpo del messaggio

4) Nell'oggetto copiate ed incollate questo: Stop toxic fire waste in Rome

5) Nel campo "A:" inserite il destinatario copiando e incollando questo indirizzo:
cab-karmenu-vella-contact@ec.europa.eu

6) INVIATE

Più siamo, più speranza abbiamo che ci ascoltino
 

#RomaBrucia Mappa interattiva dei roghi tossici a Roma



Ho creato questa mappa interattiva aperta al contributo di tutti
A cosa serve?
Può servire a mappare i roghi per rendere l'idea della gravità della situazione anche a chi non vive direttamente questo problema, ma che può comunque agire per prevenirlo.
Se riuscissimo ad aggiornarla anche in tempo reale potrebbe diventare utile ai fini del pronto intervento.

PER SAPERE COME FARE AD AGGIORNARLA CLICCA QUI

venerdì 7 luglio 2017

Associazione ARA, una speranza per i ragazzi autistici

Vi voglio parlare del progetto ARA - Associazione Risorse Autismo -Progetto di residenzialità per persone Autistiche.

Si tratta di una associazione nata per volontà di alcuni genitori di ragazzi autistici. Ho avuto modo di conoscere uno ei genitori che mi ha raccontato la sua storia.

Se vi raccontassi la vicenda di come ci siamo incontrati... beh... è sembrato proprio un segno del destino.

Ascoltai la pubblicità di questa associazione alla radio e decisi di contattarli su Facebook. Mi risposero mandandomi i loro contatti. Poi non ho più chiamato, purtroppo gli impegni mi avevano risucchiato.